Frumento Duro

Prima quotazione a Foggia per il nuovo raccolto: -3,7% rispetto alla precedente

Venerdì, 21 Giugno 2024

Unione Europea: in Italia è cominciata la raccolta. Nelle regioni del Centro sono confermate ottime rese, mentre al Sud si conferma un potenziale produttivo compromesso dalla siccità, ma con un elevato contenuto proteico. Al Nord preoccupano gli effetti delle piogge delle ultime settimane sulla qualità del frumento, in particolare sulle infezioni fungine. Le stime Areté prevedono una produzione italiana a 3,3 Mio t, -13% rispetto alla media quinquennale. Secondo le stime della Commissione, la produzione europea totale per il 2024 sarebbe di 6,8 Mio t, -2,3% rispetto al 2023 e leggermente inferiore rispetto alla stima di aprile, con la revisione a rialzo delle rese in Spagna che non compensano interamente il calo per l’Italia. Sul listino di Foggia nella terza settimana di giugno è stato quotato per la prima volta il nuovo raccolto, con un prezzo in calo del 3,7% rispetto all’ultima quotazione 2023/24, mentre su Bologna il duro risulta non quotato. I prezzi francesi, dopo i rincari registrati a maggio spinti dalle tensioni sul frumento tenero, hanno visto un deciso ridimensionamento: -9,6% su Port La Nouvelle tra inizio e la terza settimana di giugno.

Turchia: secondo il Presidente dell’Associazione dei Pastai Turchi la produzione 2024 potrebbe raggiungere i 4,9 Mio t, lasciando spazio per 2 Mio t di esportazioni. Il TMO ha annunciato il prezzo di acquisto del frumento duro, che per le qualità più elevate sarà di 10.000/10.500 lire turche/t, circa 287/300 €/t. Nel 2023 era di 9,000 tl/t, che al cambio di giugno 2023 corrispondevano a 360 €/t (257 €/t al cambio di giugno 2024). Inoltre, viene riportato che il TMO starebbe valutando un prezzo minimo all’export di frumento duro di 360 $/t FOB per proteggere l’utilizzo interno, ma mancano ancora comunicazioni ufficiali.

Canada: nel report di giugno AAFC ha rivisto a rialzo le esportazioni per la campagna 2023/24, portando ad una revisione a ribasso di consumi e stock finali per il 2024/25. Le semine sono ormai complete, e l’umidità del suolo è a livelli elevati. Nelle ultime settimane i prezzi canadesi hanno visto un progressivo ridimensionamento, con un calo tra maggio e giugno del 6,7% sul duro consegnato al centro di stoccaggio in Saskatchewan.

USA: le semine sono completate. Le condizioni mostrano un netto miglioramento rispetto allo scorso anno in entrambi gli Stati, con solo il 5% delle aree totali di frumento duro affette da siccità. Anche i prezzi statunitensi hanno visto un calmieramento nelle ultime settimane, anche se più moderato rispetto al Canada (-3,6% tra maggio e giugno sull’MGEX Durum Index).

 

  • Prezzi

  • Supply/Demand & Trade

Informativa
Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy.
Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.

Avvio Cron Job